Un consiglio per sognatrici


LA MAGIA DEL RITRATTO CREATIVO

"L’opposto di un buon sogno non è un incubo, ma un sogno che non può essere sognato; ciò che avrebbe potuto diventare un sogno rimane sospeso senza tempo in una terra di nessuno dove non c’è né immaginazione, né realtà, né dimenticare, né ricordare, né addormentarsi, né svegliarsi”⠀

"Fino a quando non è capace di sognare la propria esperienza emotiva, l’individuo non può cambiare, non può crescere, non può diventare qualcosa di diverso da ciò che è stato”. - Thomas H. Ogden⠀ Quante volte ci sentiamo sospese senza tempo in un corpo e in un sogno che non è il nostro, o in un corpo che non conosciamo o abbiamo timore di vedere?

Un ritratto ha il potere "immaginale" di mostrare un dato reale andando a toccare regioni intelligibili del nostro essere.⠀

Farsi fotografare, specialmente intraprendendo il processo creativo di un ritratto fineart, è un momento di trasformazione.

A volte ti vedi per la prima volta bella quanto non mai: eppure sei tu.

Se hai voglia di iniziare a prenderti un po' di tempo per te stessa per iniziare a sviluppare la tua capacità creativo-immaginale,

ecco un piccolo consiglio su come avviare il tuo processo di trasformazione che potrai successivamente abbinare a una esperienza di ritratto.

Sai che i sogni notturni sono uno dei luoghi di soglia in cui il mondo interno si esprime per te, come se fosse vita vera?

Sono il momento sospeso tra notte e giorno in cui il tuo subconscio trova una via per farti vivere avventure e darti dei segnali senza che il pensiero "logico" diurno abbia il pieno controllo.

Per questo ti consiglio, per avviare quel meraviglioso processo che è l'iniziare a sognare la tua esperienza emotiva per crescere, cambiare e diventare qualcosa di diverso, di tenere un diario dei tuoi sogni: è importante che tu tenga traccia dei tuoi sogni e dei messaggi che stanno cercando di trasmetterti.

Se un particolare sogno ti resta in mente in modo molto chiaro al risveglio, la cosa principale da fare è annotarlo subito su carta o sul tuo PC.

Non uscire dal "dormiveglia" prima di aver scritto tutto nel dettaglio nel più breve tempo possibile perché appena la vita diurna entra in gioco (andare in bagno, prendere in mano il cellulare, accendere la TV o la radio...) il sogno inizierà a "sgretolarsi" e a perdere la consistenza reale che aveva nell'attimo del risveglio.

Dopo averlo scritto puoi anche lasciarlo lì alcuni giorni.

Per esperienza personale ti dico che dopo qualche tempo che avevo annotato alcuni sogni nel mio quaderno dei sogni, ne ho ritrovati scritti alcuni che non ricordavo assolutamente di aver fatto.

Ho riscoperto storie bellissime e stupefacenti, che nel mio pensiero logico diurno non avrei mai avuto la capacità di creare.

A questo punto, davanti ai racconti creati da te che ti troverai a rileggere, attraversa ogni dettaglio e inizia a sezionare le parti del tuo sogno che ritieni significative:

come il tuo sogno ti fa sentire?

Qual è la tua reazione ad esso?

Spero che questo momento di scrittura e conoscenza più profonda di te stessa ti sia utile.

Se hai bisogno di supporto, se hai voglia di parlarne o se preferisci che ti accompagni con un percorso di Counseling Immaginale dentro a questo meraviglioso mondo di scrittura in modo che questo esercizio diventi qualcosa che ti aiuti a cambiare, a crescere e a comprenderti meglio ed amarti di più: scrivimi o chiamami.

Sarò felice e onorata di accompagnarti in questo percorso verso te stessa.


SCARICA QUI IL TUO QUADERNO PER SOGNATRICI: stampa il PDF e inizia a scrivere. Buoni sogni.

#prenditicuradite #ricom #sogni #obiettivi #ritrattoepersonalbranding #poteredeisogni #dreaming #storytelling #personalstorytelling #ritrattocreativomilano #counselingmilano #counselingimmaginalemilano #lifecoachmilano #federicanardesefotografa #raccontoimmaginale #personalbranding #celebratelife

| Milano (20142) | visualstory1@gmail.com | telefono: 00393500837010 | P.IVA 09815480968 |