Lettura Portfolio: lo "Statement"


Nel precedente blog ho parlato della mia esperienza di lettura portfolio che ho avuto un mese fa a Milano.

Visto che per me è stata una esperienza davvero utile e costruttiva, ho pensato che qualche consiglio rispetto a come mi sono organizzata io potesse essere utile a chi volesse cimentarsi nella lettura portfolio per la prima volta.

Nel post, che potete leggere qui, ho lasciato volutamente un punto non trattato: la scrittura dello "Statement".

Nel tempo ho capito che per diventare una fotografa Fine Art non è sufficiente fotografare... eh no, c'è anche molto, molto da scrivere!

In particolare, lo "Statement" è quello che in italiano meglio potrebbe essere definito come la "dichiarazione d'intenti" di una determinata serie di immagini.

Per presentare (extra)Ordinary Fairytale alla lettura portfolio mi sono trovata, ammetto, in alcune difficoltà.

Una, già menzionata nel primo post, relativa alla scelta (editing) delle 12 immagini dentro a un calmiere più ampio di scelta.

Successivamente mi è stato chiaro che avrei dovuto accompagnare a parole le immagini, in qualche modo spiegando la serie e gli intenti nel crearla.

Questi intenti, per quanto mi fossero chiari da sempre, erano piuttosto delle idee dentro di me che è stato necessario sistematizzare e raccogliere in poche righe per dare corpo all'idea che sta dietro alla serie.

Come vedete parlo spesso di "serie", infatti una delle caratteristiche del fine art (e della fotografia in generale a mio parere) è quella di creare delle immagini non fine a se stesse ma come parte realizzativa di una idea più ampia che possa risultare in una "serie", appunto, di 8-12 immagini.


Alcuni arrivano anche a 20 scatti ma a mio parere 12 sono già un buon numero per creare qualcosa di concreto e piacevole senza rischiare ripetizioni, doppioni o correre il rischio di risultare "prolissi".

In particolare, ecco alcuni consigli per scrivere il vostro Statement:


Sono 4 punti che ho strutturato informandomi su testi di fotografia dedicati alla lettura portfolio, informandomi su Internet e guardando video in autoformazione.

Ho visto che hanno avuto la loro efficacia nella lettura portfolio quindi ve li lascio cercando di renderli il più semplici possibile.

1. PERCHE' HAI CREATO QUESTA SERIE, QUALI SONO LE TUE MOTIVAZIONI?

E' possibile parlare delle proprie scelte a livello personale, in modo molto semplice: l'importante è essere autentici e seguire le proprie motivazioni.

Non pensate di scrivere cose che "possano piacere" a chi legge il portfolio o agli altri in generale, perché l'importante è dire quello che si ha dentro e che vi ha sinceramente guidato nel lavoro.

2. COME HAI CREATO LA SERIE?

Qui è utile definire le modalità, le tecniche, i materiali, le luci, composizione e tutto quello che è stato fatto per realizzare nel pratico le immagini.

Ovviamente anche il lato pratico ha una relazione col "perché" le foto sono connesse in serie e con le caratteristiche del risultato finale.

3. COSA RENDE QUESTA SERIE SPECIALE, UNICA, IRRIPETIBILE?

Le vostre motivazioni, i perché, declinano anche il cosa rendere la serie degna di nota. E' il vostro pensiero che però deve avere dei punti di ancoraggio effettivo con quello che il lettore vede e con la fruibilità della serie stessa.

4. COSA RAPPRESENTA PER TE?

Dopo i primi 3 punti, oggettivamente soggettivi, questo è lo spazio per dire cosa queste foto significano per chi le ha realizzate. Si connette alle motivazioni, ai perché e va anche oltre, aprendo spazi di pensiero verso nuove realizzazioni.

Come esempio, ecco lo Statement di (extra)Ordinary Fairytale, che segue i 4 punti sopra elencati e che spero possiate individuare chiaramente.

artist statement - fine art picture


Fatemi sapere se vi è utile e postatemi nei commenti i vostri Statement, sono curiosa di leggerli.




| Milano (20142) | visualstory1@gmail.com | telefono: 00393500837010 | P.IVA 09815480968 |