Lettura Portfolio: lo "Statement"

EDIT 2021: questo è in assoluto il mio blog post più visitato negli anni.


Per questo motivo ho pensato di aggiornarlo con quello che ho imparato ed è successo negli ormai 5 anni che sono passati dalla scrittura di questo pezzo ad oggi:


  • immagini e serie premiate in svariati concorsi internazionali;

  • esposizioni fotografiche in location prestigiose come Sala Arazzi a Palazzo Marino (Milano);

  • organizzazione di Fineart Retreats e workshops in Italia e all'estero;

  • contatti con curatrici d'arte;

  • creazione del mio brand come consulente di Personal Branding per artisti;


Insomma, tanta strada, tanto lavoro e tutto nato da questi primi "timidi" ma determinati passaggi fatti nel 2015.


Cosa farei di diverso se dovessi ricominciare?

Mi farei aiutare con consulenze da chi ha già fatto dei pezzi di strada prima di me per velocizzare il processo e arrivare molto prima ai miei obiettivi.


Per te, ho creato un PDF scaricabile e stampabile per supportarti nella scrittura del tuo Artist Statement, che sia fotografico o artistico.



Puoi scaricare il PDF entrando a far parte della mia Community di appassionati di fotografia di Ritratto e Personal Branding: vai alla registrazione alla newsletter.


Registrandoti alla newsletter ottieni accesso all'area riservata "Regali per te" in cui trovi questo PDF e molti altri contenuti gratuiti sia stampabili che video per la tua crescita personale e professionale.




Ora iniziamo con l'articolo del blog.




In questo blog post vi ho parlato dell'esperienza di lettura portfolio che ho avuto a fine 2015 a Milano.

Visto che per me è stata una esperienza davvero utile e costruttiva, ho pensato che qualche consiglio rispetto a come mi sono organizzata io potesse essere utile a chi volesse cimentarsi nella lettura portfolio per la prima volta.

In questo post dedicato ai miei 7 consigli per preparare la tua lettura portfolio ho lasciato volutamente un punto non trattato: la scrittura dello "Statement".


Gli dedico un articolo a parte perché lo Statement merita una riflessione approfondita.


Cos'è un Artist Statement?


Lo "Statement" è quello che in italiano meglio potrebbe essere definito come la "dichiarazione d'intenti" di una determinata serie di immagini.


Nel tempo ho capito che per diventare una fotografa (Fine Art) non mi sarebbe stato sufficiente fotografare... eh no, avrei avuto anche molto da scrivere.


Spesso, la differenza tra chi riesce a emergere nel mercato dell'arte e fotografico e chi invece resta al palo sta proprio nel fatto che i primi comprendono l'importanza della scrittura e della comunicazione per il loro lavoro artistico.


La fase della produzione è un momento "tecnico" ovviamente fondamentale ma nessuno saprà mai quali opere meravigliose hai creato se, oltre a crearle, non le sai presentare e comunicare.


Ricordati, per esempio, della celebre opera di Piero Manzoni, del 1961 in cui uno i significati possibili di questa opera è ironico e provocatorio. Di cosa sto parlando? Se non lo sai, segui il link a Wikipedia che ti ho messo qui sopra.


Se il concetto di comunicazione nell'arte e nella fotografia è sempre stato vero fin da quando gli artisti si affidavano a galleristi e mercanti per vendere le proprie opere, tanto più lo diventa al giorno d'oggi in cui le persone possono comodamente vendere le proprie creazioni tramite i social networks.


Come fare per presentare le tue opere e fare in modo che abbiano un vero impatto per te e il mondo al quale le proponi?


Uno degli elementi che ti è assolutamente necessario è lo Statement: per cui, preparati a scrivere.



La mia esperienza.


La preparazione della lettura Portfolio è sempre un momento eccitante e entusiasmante.


Tuttavia, non è privo di insidie, anzi!


Per presentare (extra)Ordinary Fairytale infatti mi sono trovata in alcune difficoltà che ora ti racconto per farle diventare esperienza comune.


Una di queste, già menzionata nel primo post che ti ho linkato sopra, è relativa alla scelta (editing) delle 12 immagini da presentare, dentro a un calmiere più ampio di scelta.


Se vuoi saperne di più leggiti anche questo post perché va insieme a quello che stai leggendo ora.

Successivamente mi è stato chiaro che avrei dovuto accompagnare a parole le immagini, in qualche modo spiegando la serie e gli intenti nel crearla.


Questi intenti, per quanto mi fossero chiari da sempre, erano piuttosto delle idee dentro di me che è stato necessario sistematizzare e raccogliere in poche righe per dare corpo all'idea che sta dietro alla serie.


Immagino che anche tu abbia questa "nebbia" di idee in testa.

Il punto, ora è dargli una forma scritta coerente e d'effetto.

Come vedi parlo spesso di "serie", infatti una delle caratteristiche del fine art (e della fotografia in generale a mio parere) è quella di creare delle immagini non fine a se stesse ma come parte realizzativa di una idea più ampia che possa risultare in una "serie", appunto, di 8-12 immagini.


Alcuni arrivano anche a 20 scatti ma a mio parere 12 sono già un buon numero per creare qualcosa di concreto e piacevole senza rischiare ripetizioni, doppioni o correre il rischio di risultare "prolissi".


Ecco quindi 4 consigli per scrivere il tuo Statement:


Sono 4 punti che ho strutturato informandomi su testi di fotografia dedicati alla lettura portfolio, informandomi su Internet in siti specializzati e facendo formazione con artiste affermate nel mercato fotografico come Jennifer B. Thoreson, tra le altre.


Ho visto che questi 4 consigli per scrivere l'Artist Statement hanno avuto la loro efficacia nella mia lettura portfolio quindi ve li lascio cercando di renderli il più semplici possibile.


Per un approfondimento ulteriore e la traccia di scrittura da stampare, scarica il PDF iscrivendoti alla newsletter.


1. PERCHE' HAI CREATO QUESTA SERIE, QUALI SONO LE TUE MOTIVAZIONI?


Parla pure delle tue scelte a livello personale, in modo molto semplice: l'importante è essere autentici e seguire le proprie motivazioni.


Non pensare di scrivere cose che "possano piacere" a chi legge il portfolio o agli altri in generale, perché l'importante non è "piacere" ma dire quello che hai dentro e che ti ha sinceramente guidato nel lavoro.

2. COME HAI CREATO LA SERIE?


Qui è utile definire le modalità, le tecniche, i materiali, le luci, composizione e tutto quello che hai fatto per realizzare nel pratico le immagini.


Ovviamente anche il lato pratico ha una relazione col "perché" le foto sono connesse in serie e con le caratteristiche del risultato finale.

3. COSA RENDE QUESTA SERIE SPECIALE, UNICA, IRRIPETIBILE?


Qui affrontiamo le tue motivazioni: i perché che indicano anche "il cosa" rende la tua serie degna di nota.


È il tuo pensiero che però deve avere dei punti di ancoraggio effettivo con quello che il lettore vede e con la fruibilità della serie stessa: qui la differenza col punto 1.


4. COSA RAPPRESENTA PER TE?


Dopo i primi 3 punti, oggettivamente soggettivi, questo è lo spazio per dire cosa queste opere significano per te che le hai realizzate.


Si connette alle motivazioni, ai perché e va anche oltre, aprendo spazi di pensiero verso nuove realizzazioni.



VUOI UN ESEMPIO PRATICO?

Per leggere due miei Statement già scritti come esempio, ti consiglio di scaricare il PDF "Guida alla scrittura dell'Artist Statement" in cui troverai due esempi pratici di intenti d'artista con cui ho presentato una serie e una immagine singola premiate con Honorable Mentions e Professional Nominees a due importanti concorsi internazionali: FAPA e ND Awards.




alcune immagini della mia serie "I Giardini dell'Anima"



Fatemi sapere se vi è utile e raggiungetemi via email per raccontarmi come va la scrittura del vostro Statement e se questi consigli vi sono stati utili.


Per un supporto specifico 1:1 sul vostro caso potete anche chiedermi una consulenza personalizzata e individuale per accelerare il processo di scrittura e essere molto più efficaci nella strutturazione del vostro Personal Branding artistico.


Non perdere tempo nelle cose che ti risultano complesse, fatti aiutare e avrai un ritorno economico o di esposizione mediale molto più velocemente.



Post recenti

Mostra tutti
© Copyright 2016-2021 Federica Nardese

| Milano (20143) | visualstory1@gmail.com

 

| telefono: 00393500837010 | P.IVA 09815480968 |